• prezzo e qualita'
  • perché un SO pubblicoun software pubblico perché i software di oggi sono tutti in mano ai privati
  • software piratacon un software pubblico potrebbero accedere anche i meno abbienti, riducendo in questa maniera il ricorso ai software pirata
1 2 3
joomla slideshow by WOWSlider.com v8.2

windows

linux

o sistema operativo pubblico?

PUBLIC SOFTWARE

il software finanziato dallo Stato

                              PETIZIONE

Petizione riguardante il software e relative licenze d'uso, circa una mancanza ormai sempre piu' penalizzante per l'utente: quella della pubblica amministrazione. Perchè le software house al giorno d'oggi sono tutte in mano ai privati, quando invece i servizi offerti sono vere e proprie pubbliche utilità, come i sistemi operativi per PC, i browser per navigare, editori di testo, programmi di lavoro per scuole eccetera. Il danno per il cittadino è grande, venendo a mancare quelle peculiarità tipiche del servizio pubblico che un privato non può offrire, come la trasparenza nella gestione, il non lucro sull'attività svolta, la possibilità di accedere a fondi governativi che permetterebbe una qualità che i software free, che vivono di donazioni, non hanno. Per questi motivi si chiede al Parlamento Europeo di destinare dei fondi a questo scopo, per sviluppare per esempio un sistema operativo pubblico che competa con quelli attuali, che non sono vantaggiosi: da un lato Microsoft, che pur presentando un prodotto valido, risulta troppo esoso; dall'altro Linux che al contrario è gratuito ma ha un basso livello qualitativo. Il tutto nell'ottica di offrire un servizio alla cittadinanza, dando un'alternativa alla logica del profitto adesso imperante in questo settore di (ormai) vitale importanza della nostra vita quotidiana.

https://www.change.org/p/al-parlamento-europeo-finanziamento-per-il-software-pubblico

7 motivi per un software pubblico

General Private License

Richard Stallman
La GNU, definita come “General Public License” è in realtà da intendersi come “General Private License”, questo perché redatta da un privato, Richard Stallman

(da http://www.gnu.org/licenses/gpl-faq.it.html#WhatDoesGPLStandFo)
Che significa “GPL”?

“GPL” significa “General Public License” (Licenza Pubblica Generica). La GPL più diffusa è la GNU General Public License, in breve GNU GPL. L’ultimo acronimo può ancora essere abbreviato in “GPL”, se dal contesto si capisce che ci si sta riferendo alla GNU GPL.

Richard Stallman

un privato a capo di una società privata non può stabilire regole per il settore pubblico

 

GNU General Public License

La GNU, General Public License, è fondata su di una errata interpretazione su come debba essere un software, se libero o meno. In realtà questa distinzione è legata alle esigenze di un programmatore, o di chi crea e vende software e non di chi lo utilizza

….Preambolo

La GNU General Public License è una licenza copyleft libero per software e altri tipi di lavori.

Le licenze per la maggior parte del software e di altre opere pratiche sono progettati per togliere all’utente la libertà di condividere e modificare i lavori. Per contro, la GNU General Public License è intesa a garantire la libertà di condividere e modificare tutte le versioni di un programma – per assicurarsi che rimanga software libero per tutti i suoi utenti. Noi, la Free Software Foundation, usiamo la GNU General Public License per la maggior parte del nostro software; si applica anche a qualsiasi altro lavoro pubblicato in questo modo dai suoi autori. È possibile applicare per i propri programmi, anche.

Quando si parla di software libero, ci si riferisce alla libertà, non al prezzo…..

http://www.gnu.org/copyleft/gpl.html

software libero

La Free Software Foundation parla di “per assicurarsi che rimanga software libero per tutti i suoi utenti”  ma bisogna distinguere tra l’utente che utilizza il software e l’utente che invece programma e modifica tale software. Questo perché alla maggior parte degli utenti non interessa minimamente il mettere mano al codice per apportare modifiche, o distribuirlo, rielaborarlo, eccetera, quindi per loro software libero o proprietario non fa nessuna differenza, quello che gli importa è proprio il prezzo

Quando si parla di software libero, ci si riferisce alla libertà, non al prezzo.

http://www.gnu.org/copyleft/gpl.html

il software dal punto di vista di un programmatore (Stallman): “Quando si parla di software libero, ci si riferisce alla libertà, non al prezzo…..” diventa quindi, visto da un utente: “Quando si parla di software libero, ci si riferisce al prezzo, non alla libertà…..”

software gratis

 

tutti le regole dunque redatte nella GNU General Public License dopo la frase “Quando si parla di software libero, ci si riferisce alla libertà, non al prezzo” sono da intendersi del tutto fuori luogo e riferite ad un falso problema. La GNU General Public License si può quindi benissimo accartocciare e cestinare

 

GNU general public license

 

dal web:

"Il computer è una delle cose più importanti nella nostra società occidentale. Quasi ogni cosa che facciamo viene gestita da computer (prenotazioni, anagrafe, borsa). I computer e in particolare internet permettono di condividere informazioni in pochissimo tempo e a basso costo."

Il settore pubblico non se ne è ancora accorto, tanto che le software-house sono al 100% in mano ai privati (o più semplicemente il privato arriva sempre prima del pubblico)